Blog: http://SullaPaginaEnormeDiUnMuro.ilcannocchiale.it

Due cuori e una panchina rossa.

...Ho capito che io riesco a vedere il mondo solo insieme a te.
I Greci raccontavano che originariamente l'uomo era sferico e che Zeus per punirlo delle sue malefatte lo aveva spaccato a metà. Le due metà vagano per il mondo e si cercano.
La nostalgia le spinge a cercare ancora e ancora, e quando si trovano quella sfera vuole tornare unita.
Questa storia ha del vero ma non è sufficiente. Quando le due metà si incontrano di nuovo, hanno vissuto le loro vite fino a quel momento. Non sono uguali a come si erano lasciate. I loro lembi non coincidono più. Hanno difetti, debolezze, ferite. Non basta che si incontrino di nuovo e si riconoscano. Adesso devono anche scegliersi, perchè le due metà non combaciano più perfettamente, ma solo l'amore porta ad accettare gli spigoli che non combaciano e solo l'abbraccio li smussa, anche se fa male. Quel giorno ho scoperto che le nostre metà non combaciano perfettamente e solo un abbraccio può farci combaciare.
Senza la tua presenza il mondo si è svuotato. Mi manca tutto di te: la risata, lo sguardo, i congiuntivi mancati, gli sms, le chiaccherate... Tutte quelle cose insignificanti valgono tutto per me, perchè sono tue.
Ecco solo questo volevo dirti. Le tue spalle non saranno mai come quelle di nessun altro per me. Quando sei tu a darmi le spalle, è la vita che mi dà le spalle.
Abbracciami così, come io farò con te. Saranno i nostri abbracci a cambiarci...

Pubblicato il 21/11/2012 alle 20.9 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web