Blog: http://SullaPaginaEnormeDiUnMuro.ilcannocchiale.it

È una casa senza le pareti..

Come tornare a certi notti nella tua cameretta, sotto le coperte, al buio con le cuffie nelle orecchie, il volume al suo massimo e affidare ad una canzone il compito di salvarti...lasciarti sfinire dai tormenti aspettando il crollo di un sonno liberatorio...

Come certe notti solo tue..
Come certe notti solo tu...
Come certe notti in cui la canzone che ti salverà prima ti ucciderà, fino all'ultima goccia di sangue, fino all'ultima lacrima.
Come certe notti che sono come certi giorni in cui per quanto tempo cerchi di riempire rimane sempre troppo spazio vuoto.
Certe notti sono troppe domande, troppi dubbi, troppe paure e troppe risposte che non sei in grado di accettare..
Allora canzone colpiscimi, stordiscimi, tramortiscimi, non farmi sentire piú niente, non salvarmi.. 
Non svegliarmi. 
Io voglio solo lasciarmi andare..
Certe notti... Certi giorni...
Certe ore, certi minuti, certi istanti, certe notti non le voglio più... Sono maleddamente stanca... E credere in quel che non c'è mi sembra solo una banalità..
Certe notti io non voglio proprio piu credere.. 
Certe notti non ha proprio più senso niente e domani sarà solo un altro giorno di ore da riempire ad ogni costo e per quanto mi affanneró resterà uno spazio vuoto..
Adesso è ora. 
Adesso non brilla..niente..
Buonanotte a tutte le canzoni che ci provano. 

Pubblicato il 11/2/2018 alle 22.20 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web